Come Coltivare il Patchouly

Il patchouly è una pianta perenne sempreverde che proviene dall’Asia. Ne esistono diverse specie, circa una quarantina, sono caratterizzate da grandi foglie ovali dentellate di colore verde scuro e sono molto facili da coltivare, come cerco di spiegarti in questa guida con tre passaggi.

Coltivare la pianta del patchouly è semplice: devi cominciare prendendo dei semi, che metterai in semenzaio e che, se necessario, diraderai. Quando le piantine saranno abbastanza grandicelle, mettile a dimora in campo aperto o in vaso, sapendo però che in vaso saranno più delicate e quindi, in inverno, dovranno essere ricoverate al coperto. In campo aperto, invece, possono star a qualche grado sotto zero.

A questo punto, posiziona la pianta in una zona soleggiata in casa o fuori, anche se spesso il patchouly viene usato come pianta da appartamento. In estate, stanno benissimo al fresco, all’ombra e si possono moltiplicare per talea semilegnosa, mettendo poi in vaso con terriccio e sabbia e spruzzando sopra dell’acqua con, appunto, uno spruzzino per non far marcire il tutto.

3 Ora metti del concime liquido per piante verdi in estate, ogni 15 giorni circa, unito all’acqua delle innaffiature; queste devono essere costanti durante la bella stagione e molto più scarse in inverno, qunado la pianta è nel periodo di riposo vegetativo. Ogni 2 o 3 anni procedi al rinvaso, usando un terriccio universale mescolato a sabbia e torba; è poi una pianta che difficilmente viene colpita da insetti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *